Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 10 maggio 2018

Matera l'anno prossimo sarà Capitale europea della cultura. Foto © Salvatore Laurenzana / www.matera-basilicata2019.it

I Sassi d’oro di Matera. Un servizio speciale del «Fatto» torna su Matera, Capitale europea della cultura nel 2019, e sui 295 milioni di euro che sono serviti a preparare l’evento e rilanciare le attività del territorio. [il Fatto Quotidiano]

Galleria Borghese, 1.800 firme a sostegno di Anna Coliva. La petizione internazionale lanciata da David Jaffè sulla piattaforma change.org per chiedere al ministro dei Beni culturali l’immediata revoca della sospensione di Anna Coliva dalla direzione della Galleria Borghese in attesa della sentenza del tribunale penale ha già superato 1.800 firme in una settimana. La Coliva, alla testa del museo romano da 12 anni, è stata sospesa dal servizio in seguito a una accusa di supposto assenteismo a seguito di una denuncia anonima del 2014. Tra i firmatari della petizione figurano direttori e curatori di musei quali il Getty di Los Angeles, la National Gallery di Londra, il Musée du Louvre; Philippe Costamagna, Jean-Patrice Marandel, Xavier F. Salomon, Michel Hilaire, Roberto Contini, Frédéric Mitterrand; storici dell'arte, da Jennifer Montagu a Irving Lavin e Catherine Goguel, da Ann Sutherland Harris ad Alvar González Palacios, Olivier Bonfait, Carmen Giménez, Francesca Cappelletti, Silvia Ronchey, Andrea Bacchi, Giuseppe Scaraffia, Francesca Baldassarri; artisti come Shirin Neshat, Paolo Canevari, Marco Tirelli; collezionisti italiani e stranieri, tra cui Giovanni Giuliani, Beatrice Bulgari, Alessandra e Paolo Barillari, Raffaella e Stefano Sciarretta, Francesco Micheli, Gimmo Etro, Elie Top.


Venezia, Baselitz primo artista vivente alle Gallerie dell'Accademia. Dopo il successo nel 2017 della mostra «Philip Guston and The Poets» le Gallerie dell’Accademia si preparano con largo anticipo all’appuntamento con la Biennale di arti visive del 2019. La scelta questa volta è caduta su un artista vivente, Georg Baselitz. Scelta non casuale dati i legami con Venezia del tedesco (è nato il 23 gennaio 1938 nella Ddr), uno dei protagonisti alla Biennale. Senza contare poi il forte sodalizio con quello che considerava il suo maestro, Emilio Vedova. In città l'ultima mostra antologica di Baselitz risale al 2015. Nella mostra del 2019 a cura di Kosme de Barañano, saranno rievocate tutte le tappe salienti dell'ormai sessantennale attività di Baselitz messe a confronto con i capolavori dell’arte veneta. [Lidia Panzeri-Il Giornale dell'Arte]

Nel mondo
Rockefeller rocks! Tutti piazzati i primi 44 lotti proposti da Christie’s a New York per l’asta della collezione del banchiere americano: con 646 milioni di dollari la stima iniziale è già stata superata. Tra i colpi più notevoli l’«Odalisca su divano con magnolie» di Matisse (80 milioni), le «Ninfee in fiore» di Monet (84 milioni), e la «ragazza con cestino di fiori» di Picasso (115 milioni). [La Stampa; Il Messaggero; Il Giornale; El País]

I fantastici quattro del Modernismo. Il «Messaggero» dedica una pagina a illustrare le iniziative avviate a Vienna per il centenario della morte di Klimt, Schiele, Moser e Wagner, che morirono tutti nel 1918. [Il Messaggero]

Viene dal Nord l’esotica pietra di Gaudí. L’ultimo dei sette fornitori delle pietre che servono a completare la Sagrada Familia di Gaudí a Barcellona è inglese: scava nei pressi di Chorley, nella contea di Lancaster, dove le pietre hanno la giusta tonalità e consistenza. [The Times]

Nel mondo
Niente picnic a Venezia. Finalmente approvato mercoledì scorso l’atteso provvedimento del Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro che limita per i prossimi tre anni il consumo di street food per le calli e le piazze della città e delle isole maggiori. [The Daily Telegraph]

La cupola liberata. Completati i restauri e rimossi i ponteggi: finalmente, a 21 anni dall’incendio che minacciò la Sacra Sindone, torna finalmente libera e visibile nel cielo torinese la cupola del Guarini. [La Stampa]

Michelangelo mancino in segreto. Uno studio di Davide Lazzeri pubblicato su «Clinical Anatomy» svela che Michelangelo originariamente era mancino, ma si autoimpose di lavorare con la destra per via dei pregiudizi dell’epoca sulla «mano del diavolo», e successivamente anche dell’artrite degenerativa che lo colpì. [Il Messaggero; Il Giornale; Corriere della Sera]

Incorpora riscoperto. Un servizio di Sebastiano Grasso presenta la riscoperta, presso la basilica di Maria Santissima del Rosario a Fiumefreddo di Sicilia, della «Via della Passione» di Salvatore Incorpora (1920-2000), 14 grandi pannelli scolpiti e dipinti realizzati nel 1973. [Corriere della Sera]

Torino, oggi parte il Salone. Si tiene oggi a Torino l’inaugurazione ufficiale della 31sima edizione del Salone del Libro, che segna il ritorno dei grandi editori, indici in crescita più o meno in tutti i settori, e uno strascico di guai finanziari e inchieste. [La Stampa; la Repubblica; il Fatto Quotidiano; Il Giornale; Corriere della Sera]

Francesco Martinello, edizione online, 10 maggio 2018


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012