Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Interazione uomo-spazio

Artisti internazionali tra performance e «Extended Architectures» alla Galleria Alberta Pane

Una veduta di «Dirty Geometry» di Esther Stocker

Venezia. Dopo «La Ginestra», collettiva dal titolo di ispirazione leopardiana che ha coinvolto cinque artisti internazionali (Ismaïl Bahri, Tunisia, 1978; Charbel-Joseph H. Boutros, Libano, 1981; Paul Hage Boutros, Libano, 1982; Christian Fogarolli, Italia, 1983 e Marco Godinho, Portogallo, 1978), la sede veneziana della Galleria Alberta Pane propone dal 26 maggio una nuova esposizione collettiva dal titolo «Extended Architectures», accompagnata da un testo critico di Mathilde Ayoub. Protagoniste, tre donne: Luciana Lamothe (Argentina, 1975), Marie Lelouche (Francia, 1984) ed Esther Stocker (Italia, 1974), chiamate a confrontarsi, attraverso installazioni site specific, con il tema prescelto dalle curatrici della 16. Biennale d’Architettura: «Freespace».

Una riflessione sulla «costante comunione tra l’uomo e lo spazio» e sulla percezione dei nostri ambienti che si concretizza mediante sculture create dalla scansione di volumi e griglie visive dipinte su tela. Nell’estetica di Luciana Lamothe, fondante è la vitale comunione corpo-architettura, messa in atto nelle sue installazioni attraverso un uso ambivalente di materiali. Partendo da materiali solidi e strutturali che forza a cedere rendendoli morbidi e flessibili, l’artista crea sculture partecipative che fondono forma e funzione.

Nell’attivazione dell’opera il ruolo dello spettatore è decisivo: tra spazio, elementi che lo compongono e corpo l’interazione è costante. Marie Lelouche espone «Blind Sculpture», opera ibrida basata su scansioni tridimensionali e scultura post-digitale. Attraverso un dispositivo mobile audio-visivo che permette la percezione di forme geometriche digitali nascoste, ogni spettatore si trova a sovrapporre la propria esperienza in uno stesso spazio. Metafora di uno spazio sociale, l’opera così è data dalla coabitazione di forme e soggettività. Esther Stocker, infine, indaga quella matematica esistenziale che qualifica i nostri ambienti collettivi e personali attraverso tele, sculture e installazioni: nel suo lavoro l’individuo è elemento geometrico e matematico sostanziale.

L’artista indaga la visione e la percezione dello spazio attraverso la rottura dell’apparente rigida ripetizione modulare, originando quindi un secondo ritmo visivo che distrugge l’ordine della dimensione piana. Durante la stagione autunnale ad abitare la sede in Calle dei Guardiani giungerà nuovamente la performer napoletana Romina De Novellis, che abitualmente lavora con la galleria.

Veronica Rodenigo, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012