Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Un ex panificio per il Pushkin Modern

Dalla riconversione di una fabbrica costruttivista 6mila mq di spazi per il museo moscovita

A Mosca l'ex panificio Zotov, 1931, diventerà uan sede distaccata del Museo Pushkin

Mosca. La banca di Stato russa Vtb ha dichiarato di avere in programma la conversione di una ex fabbrica di pane in stile costruttivista di Mosca in un distaccamento temporaneo del Museo di Stato Pushkin di Belle Arti. Il presidente della banca Andrey Kostin ha reso noto il progetto per la ristrutturazione dell’edificio da 6mila metri quadrati in spazio commerciale mentre la direttrice del Pushkin Marina Loshak, che da anni sostiene la necessità di Pushkin Modern (non dissimile, anche per immagine estetica, dalla Tate Modern di Londra), lo ha convinto invece a realizzare un nuovo museo.

Il panificio Zotov, capolavoro del 1931 nel quartiere di Presnya, è ora circondato da alti grattacieli in fase di costruzione da parte della VTB. Il museo, come ci ha spiegato Kostin presenterà «il meglio dell’arte contemporanea russa e internazionale». Di recente l’ex diplomatico sovietico ha respinto le accuse di avere rapporti d’affari con Donald Trump e di aver fatto investimenti «per ragioni politiche» in Twitter. Il canale televisivo russo Kultura ha riferito che il museo aprirà al pubblico nel giro di due anni. I funzionari del Pushkin tuttavia non rilasciano dichiarazioni.

Sophia Kishkovsky, da Il Giornale dell'Arte numero 387, giugno 2018


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012