Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Libri

Nelle stanze tutte per sé dei bloomsburyani

Nino Strachey ripercorre dimore e giardini dove il gruppo poteva vivere fuori dalle convenzioni

Knole House, nel Kent, è oggi gestita dal National Trust britannico, ma continua a essere abitata dalla famiglia Sackville. Foto di Robert Morris, © The National Trust

«Una donna per scrivere deve avere soldi e una stanza tutta per sé». Virginia Woolf in un suo saggio famoso era stata drastica, e molta della sua vita venne dedicata alla realizzazione di uno spazio che la rappresentasse appieno, nella sua esistenza di autore.

Il risultato, a cui attese per tutta la vita, insieme al marito Leonard, e alla sorella artista Vanessa Bell, animatrice con Duncan Grant dell’innovativa esperienza di arredamento degli Omega Studios, fu la splendida Monk’s House, nel Sussex, accompagnata da un bel giardino, che ha accolto molte delle parole della scrittrice, nel corso delle prime letture per gli amici che venivano da Londra.

Nino Strachey, discendente dalle genealogie bloomsburyane, ricostruisce in un libro con dovizia di informazioni e un ricco corredo fotografico gli esperimenti di esistenza, a cui si dedicarono i Woolf ed Edward Sackville-West, romanziere e scrittore, nella residenza di Knole, nel Kent (oggi gestita dal National Trust) in cui portò le opere degli artisti moderni di Londra. Languido, effeminato, come sua cugina Vita era mascolina, anche lui contribuì per alcuni dettagli alla fisionomia di Orlando, nel romanzo del 1928.

L’autrice di Ogni passione spenta, insieme al marito Harold Nicolson, ebbe un ménage omosessuale aperto, con gli amanti di entrambi che comparivano nella magnifica dimora di Sissinghurst. Qui lei creò un giardino «wild», magnifico, che è ancora oggi tra i più visitati del Regno Unito: ogni settimana scriveva, mirabilmente, di piante e fiori nella sua rubrica sull’«Observer» (di cui Elliot anni fa ha pubblicato una ottima silloge con il titolo Il libro illustrato del giardino, presentando a ruota anche l’incantevole Fiori, del 1937 e il notevole poema georgico Il giardino, scritto negli anni di guerra).

Come emerge chiaramente nelle pagine di questo bel libro, pieno di spunti interessanti, in quei luoghi era possibile vivere una vita di cui le convenzioni sociali del tempo decisamente negavano la possibilità.

Stanze tutte per sé. Eddy Sackville-West, Virginia Woolf, Vita Sackville-West, di Nino Strachey, traduzione di Claudia Valeria Letizia, 191 pp., L’Ippocampo, Milano 2018, € 25,00

edizione online, 26 giugno 2018


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012