Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Nel Medioevo non perdevano le staffe

Nel Giardino di Boboli una mostra sull'arte di cavalcare dall'antichità al Quattrocento

Protome di cavallo «Medici Riccardi» 340-330 a.C. Bronzo fuso, un tempo dorato a lamina e a foglia Firenze, Museo Archeologico Nazionale

Firenze. Dalle rappresentazioni sulle pareti delle grotte preistoriche a quelle della biga alata riferita alla concezione platonica dell’anima, il cavallo è figura ricorrente nell’arte fin dai secoli molto lontani: il rapporto millenario tra l’uomo e quell’animale è riccamente illustrato fino al 14 ottobre dalla mostra alla Limonaia Grande del Giardino di Boboli «A cavallo del tempo. L’arte di cavalcare dall’antichità al Medioevo» attraverso una scelta molto ampia di oggetti, provenienti da importanti musei archeologici italiani e esteri.

I curatori Lorenza Camin e Fabrizio Paolucci hanno selezionato statue, urne, rilievi, vasi e terrecotte, compresi tra il X secolo a.C. e il XV secolo d.C., che rimandano a diversi ambiti, dalla mitologia ai corredi funerari, dall’attività quotidiana alla vita militare, dove il cavallo è mezzo di trasporto prezioso, fino agli spettacoli agonistico sportivi. In mostra si segue anche l’evoluzione tecnologica dei finimenti con l’impiego della staffa nel corso del Medioevo.

...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Laura Lombardi, edizione online, 27 giugno 2018


Ricerca


GDA luglio/agosto 2018

Vernissage luglio/agosto 2018

Vedere a ...
Vedere in Puglia 2018

Vedere in Sicilia 2018

Vedere in Trentino 2018

Vedere in Friuli Venezia Giulia 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012