Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 3 luglio 2018

Angela Vettese e Lorenzo Balbi insieme a Bologna nel febbraio 2018. Foto: Allemandi

Angela Vettese lascia la direzione di Artefiera, al suo posto Lorenzo Balbi? Un vero e proprio terremoto. Non possono intendersi diversamente le dimissioni dalla direzione di ArteFiera di Angela Vettese, nominata per l'incarico da BolognaFiere proprio due anni fa. A prendere il suo posto, anche se non c’è ancora l’ufficializzazione sarà con ogni probabilità Lorenzo Balbi, da dodici mesi responsabile del MAMbo-Galleria d’arte moderna di Bologna e responsabile dell’area contemporanea dell’Istituzione Bologna Musei. Le dimissioni della Vettese sono arrivate tramite un inusuale post sulla sua pagina Facebook, il primo luglio: «Ho fatto ciò che dovevo: snellire la fiera, restituire un vero ruolo al comitato di selezione, insistere sul lato culturale di Artefiera, sperimentare con media come cinema espanso e performance. Lascio BolognaFiere con gratitudine, buon lavoro Lorenzo». Balbi invece, com’è comprensibile in assenza di comunicazioni di Artefiera, ha dichiarato «Non c’è nulla di definitivo, sono in attesa». Il giovane critico d’arte, ex collaboratore a Torino di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo presso la sua fondazione, dopo avere svolto lo scorso anno una apprezzata ArtCity, restando contemporaneamente anche il numero uno del MAMbo, diverrà il nuovo direttore di ArteFiera? [Stefano Luppi-Il Giornale dell'Arte]

In Italia

L’Italia entra nella Fao. Grazie al suo paesaggio e alla sua biodiversità la fascia degli oliveti tra Assisi e Spoleto è entrata, primo caso per un sito italiano, nella lista del Sistema del patrimonio argricolo importante su scala mondiale della Fao, l’organizzazione delle Nazioni unite per l’alimentazione e l’agricoltura. [Corriere della sera]

Gli spettacoli di Balich. Il «Giornale» dedica una pagina a intervistare il coreografo veneziano Marco Balich, salito alla ribalta per l’Albero della vita all’Expo di Milano, sul suo show sulla Cappella Sistina a Roma e sulla sua candidatura a organizzare la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi del 2020 a Tokyo. [Il Giornale]

C’è un tesoro che scorre per Roma. Così importante per la Capitale e la sua storia, il Tevere è oggi quasi dimenticato dai romani: eppure, se venisse ripulito, sarebbe un’importante risorsa sia per i cittadini che per i turisti. [The Times]

Nel mondo
Un esempio unico di cultura omayyade in Occidente. La Medina Azahara di Cordoba entra nella lista del Patrimonio mondiale Unesco per i suoi pregi architettonici e artistici. È il 46simo sito spagnolo a ricevere questo onore. [El País]

I fotografi francesi chiedono misure concrete. I fotografi francesi scrivono alla ministra della Cultura Françoise Nyssen e al presidente della Repubblica Emmanuel Macron per denunciare il difficile stato di cose per la loro professione in Francia: da un lato la fotografia è sempre più apprezzata e quotata, dall’altro le condizioni di lavoro dei fotografi peggiorano sempre di più. [Libération]

Parigi e i suoi Banksy. A Parigi ci si interroga su che cosa fare dei dieci murales apparsi nell’ultimo mese attribuiti allo street artist Banksy e legati ai temi politici e sociali dell’immigrazione. È difficile stabilire il loro valore, e intanto due di essi sono già stati danneggiati. [Le Monde]

Restaurata l’ultima prigione di Parigi. Riaprirà i battenti entro l’anno la storica Santé, l’ultimo carcere ancora funzionante a Parigi, dopo un recupero da 180 milioni di euro durato quattro anni, che rappresenta il primo intervento sull’edificio dal 1867 a oggi. [Le Figaro]

Perché Marte non doveva lasciare Dresda. Mentre domani andrà all’asta da Sotheby’s a Londra il «Marte di Dresda», meravigliosa scultura del dio della guerra realizzata dal Giambologna e stimata tra i 3 e i 5 milioni di sterline, proseguono sulla stampa tedesca le proteste sulla sua messa in vendita. [Frankfurter AZ]

Il nuovo museo egizio di Monaco. C’è anche un’unica grande vetrina capace di ospitare 700 reperti tutti insieme tra le meraviglie del nuovo Museo statale per l’arte egizia di Monaco di Baviera, che ha da poco inaugurato la sua esposizione permanente. [Frankfurter AZ]

Francesco Martinello, edizione online, 3 luglio 2018


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012