Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Spazialisti nel regno di Peggy

Quando Fontana sbarcò in Laguna

«Concetto spaziale» (1961) di Lucio Fontana, Busto Arsizio (Va), Collezione Merlini

Venezia. La mostra «Spazialisti a Venezia», espone a cura di Giovanni Granzotto 150 opere nelle due sedi di Piazza San Marco e di Palazzetto Tito della Fondazione Bevilacqua La Masa, dal 14 luglio al 16 settembre. Inevitabile un omaggio a Lucio Fontana, il fondatore dello Spazialismo, a cinquant’anni dalla sua morte, di cui sono esposte una decina di opere, dalle ceramiche a una tela della serie «Venezia», relative agli anni Cinquanta.

Non mancano esempi i tagli, come «Concetto spaziale» del 1959. L’azione di Fontana, grazie ai suoi Manifesti, a cui aderirono autori del calibro di Bacci («Avvenimento», 1956), Tancredi o di Gino Morandis, fu determinante per il successo del movimento, supportato dall’attività della galleria Il Cavallino di Carlo Cardazzo e sotto l’occhio di Peggy Guggenheim. Per alcuni di questi artisti lo Spazialismo rappresentò una fase di transizione: è il caso di Guidi prima delle sue celebri «lagune» o Deluigi prima dei suoi «grattage».

Insieme a questi autori vanno citati gli allora più giovani Finzi, Licata, Rampin e Vianello mentre, in un panorama quasi tutto pittorico sia pure con continue contaminazioni nell’ambito della ceramica e del vetro, fa eccezione la scultura di De Toffoli. Da citare, infine, i coniugi Luciano Gaspari e Bruna Gasparini che per molti anni rappresentarono la continuità dello Spazialismo. A Forte Marghera, in terraferma, la sezione dedicata alla grafica.

Lidia Panzeri, da Il Giornale dell'Arte numero 388, luglio 2018


Ricerca


GDA novembre 2018

Vernissage novembre 2018

Focus on De Chirico 2018

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Vedere in Emilia Romagna 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012