Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Tutto il male del mondo

La trentesima edizione del festival di fotogiornalismo Visa pour l'Image

Crisi in Venezuela: «Caracas, Venezuela, 3 maggio 2017», di Ronaldo Schemidt, World Press Photo of the Year © Ronaldo Schemidt / Agence France-Press

Perpignan (Francia). «Far riscoprire fotografi un po’ dimenticati, confermare talenti e permettere a giovani fotografi di farsi conoscere»: così Jean-François Leroy, fondatore di Visa pour l’Image, riassume la missione del festival internazionale di fotogiornalismo, giunto alla sua trentesima edizione (dall'1 al 16 settembre).

La rassegna propone 25 mostre (a ingresso gratuito). Le migrazioni, le crisi umanitarie, i conflitti di alcune regioni del mondo sono al centro di gran parte dei lavori dei fotografi. Kevin Frayer, di Getty Images, e Paula Bronstein hanno seguito la sorte dei rifugiati Rohingya fuggiti a migliaia dalla Birmania al Bangladesh. Miquel Dewever-Plana racconta le condizioni di lavoro dei minatori di Potosí, in Bolivia, migliaia di contadini indiani partiti alla ricerca di una vita migliore. Khalil Hamra, dell’Associated Press, ha riportato da Gaza la sofferenza e la resilienza degli abitanti. Catalina Martin-Chico ha documentato la Colombia al termine di 50 anni di guerriglia Farc. Noël Quidu ha realizzato per «Paris Match» una serie di reportage in Siria, tra le rovine di Aleppo e Palmira.

L’urgenza ambientale è un altro tema ricorrente. Si ritrova negli scatti di Gaël Turine del fiume Buriganga (presso la capitale del Bangladesh Dacca), carico di rifiuti riversati dalle industrie. George Steinmetz mostra i disastri dell’agricoltura intensiva, mentre Samuel Bollendo ha immortalato gli effetti dell’inquinamento: il «continente di plastica» che galleggia nel Pacifico e i pesci deformi che vivono nei laghi del Canada.

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 389, settembre 2018


Ricerca


GDA settembre 2018

Vernissage settembre 2018

Vedere a Matera 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012