Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Simone Peterzano all’Accademia Carrara

Alunno di Tiziano, maestro di Caravaggio

Simone Peterzano, «Venere e Cupido con due satiri in un paesaggio», 1570, Pinacoteca di Brera, Milano

Bergamo. Sempre confinato nel ruolo di «maestro di Caravaggio», Simone Peterzano (1535 ca- 1599) fu in realtà, a sua volta, un ottimo pittore. Bergamasco di nascita (Bergamo apparteneva allora alla Serenissima), Peterzano si formò a Venezia nella bottega di Tiziano, e di tale alunnato fu sempre orgogliosissimo, tanto da firmarsi più d’una volta (anche nell’unico autoritratto conosciuto) «Titiani alumnus».

A Venezia sarebbe rimasto fino ai primi anni ’70 del ’500, per trasferirsi poi nella ben più cupa Milano della Controriforma, portando con sé la luminosità e il colore della pittura veneta: una novità apprezzata, nella nuova città, che gli guadagnò sin dall’inizio numerose commissioni e gli permise di avviare un’attiva bottega, in cui, intorno al 1584, a nemmeno 13 anni sarebbe entrato Caravaggio (nell’Archivio di Stato di Milano resta il contratto di apprendistato).

Pochissimo si sa dell’attività del giovane Caravaggio nella bottega di Peterzano, ma i suoi primi dipinti romani conservano tracce evidenti dei modelli del maestro. Il quale, nel frattempo, si era conformato al linguaggio espressivo allora dominante a Milano, tanto molte sue opere milanesi, fino agli studi di Roberto Longhi e di Mina Gregori, sarebbero state lungamente confuse con quelle di autori coevi lombardi.

Insomma, è una storia complessa e ancora in molta parte misteriosa quella affrontata da Simone Facchinetti, Francesco Frangi, Paolo Plebani e Maria Cristina Rodeschini nella mostra «Tiziano e Caravaggio in Peterzano», visibile nell’Accademia Carrara dal 6 febbraio al 17 maggio (catalogo Skira).

Cinque le opere di Tiziano in mostra, due quelle di Caravaggio, insieme a numerosi dipinti (e disegni) sacri e profani dello stesso Peterzano, di maestri veneti come Tintoretto, Veronese, Paris Bordon, Bernardino Licinio e dei lombardi Antonio Campi, G.A. Figino, Giovanni da Monte, oltre all’edizione del 1568 dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto (cui l’artista dedicò più d’un omaggio) e alle Rime, 1587, di G.P. Lomazzo.

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 405, febbraio 2020


GDA aprile 2020

Vernissage aprile 2020

Il Giornale delle Mostre online aprile 2020

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012