Particolare di un’opera di Denis Rouvre dalla serie «Avatara»

© Denis Rouvre

Image

Particolare di un’opera di Denis Rouvre dalla serie «Avatara»

© Denis Rouvre

Il corpo al centro della 14ma edizione di Cortona On The Move

Dall’11 luglio al 3 novembre, la città toscana diventa un museo a cielo aperto con 22 mostre in sette località

Torna a Cortona per la 14ma edizione il festival internazionale di fotografia Cortona On The Move (Cotm): per quattro mesi, dall’11 luglio al 3 novembre, la città toscana diventa un museo a cielo aperto, con 22 mostre in sette località. Il tema di questa edizione, «Body of Evidence», mette al centro il corpo, che i fotografi partecipanti hanno indagato, spogliato e analizzato in tutte le sue forme, nella sua fisicità ma anche come oggetto sociale e politico. «Oggi più che mai il corpo è il territorio di tutte le battaglie: identitarie, di genere e politiche, individuali o collettive, spiega il direttore artistico Paolo Woods. Scopriremo il corpo e, con lui, noi stessi». 

Insieme al collettivo Kublaiklan, responsabile della curatela fotografica, Cotm articola quest’ambiziosa missione in 18 mostre individuali. «Restraint and Desire», di Ken Graves ed Eva Lipman, ad esempio, sottolinea le continue tensioni nascoste tra i corpi, mentre «The Last Safe Abortion», di Carmen Winant racconta i cinquant’anni di storia dell’aborto negli Stati Uniti, riferendosi con il titolo alla decisione del 2022 di non garantirlo come diritto costituzionale. E se da un lato «Sexual Fantasies» di Myriam Boulos sfida i pregiudizi patriarcali sul corpo femminile, invitando le donne e la comunità queer a esprimere i propri desideri, Alessandro Cinque con «Atrapanieblas» celebra invece la resilienza e la dignità delle comunità peruviane che reagiscono alla mancanza d’acqua sfruttando la nebbia. Ci sono poi quattro mostre collettive: «The Body as a Canvas», che esalta tatuaggi, scarificazioni e altre forme di mutamento del corpo, in un percorso che è al contempo una ricerca antropologica e una celebrazione artistica, e «Cronache d’acqua-Immagini dal Nord Italia», un progetto creato con Intesa Sanpaolo e Gallerie d’Italia per riflettere sulla relazione tra la natura e l’umano. 

Tra le tante novità di quest’anno, spicca l’impegno per l’inclusione anche verso i più piccoli: la mostra «Giro Giro Corpo. Fotolibri per bambini e adulti bambini», risultato di una ricerca editoriale di Kublaiklan e Spazio Bk, è pensata e strutturata per coinvolgere e far familiarizzare i bambini con il mondo della fotografia e la rappresentazione del corpo. Per l’inaugurazione del festival, tra l’11 e il 14 luglio, sono inoltre previsti numerosi incontri, conferenze e workshop, con esperti italiani e internazionali.

«Restraint and desire» di Ken Graves & Eva Lipman. © Ken Graves & Eva Lipman

Anna Aglietta, 09 luglio 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Nella sede torinese oltre 250 fotografie dell’autore campano che crea rappresentazioni archetipe della realtà collettive

150 immagini di una delle grandi pioniere del fotogiornalismo del ’900 in mostra a Torino

Nel MuFoCo la fotografa toscana immagina una relazione senza limiti di tempo con la madre Loriana

L’artista palermitana oppone agli scatti dei monumenti egiziani realizzati del fotografo ottocentesco le proprie immagini di musei vuoti e di reperti archeologici falsi o mai esistiti, mettendo in discussione la neutralità della fotografia nell’interpretazione della realtà

Il corpo al centro della 14ma edizione di Cortona On The Move | Anna Aglietta

Il corpo al centro della 14ma edizione di Cortona On The Move | Anna Aglietta