Image

Italics, Panorama Monferrato

Image

Italics, Panorama Monferrato

Oltre 60 artisti per Panorama Monferrato

Italics annuncia i nomi degli oltre sessanta artisti, attivi dal II secolo ai giorni nostri, selezionati da 61 gallerie, visibili da mercoledì 4 a domenica 8 settembre a Camagna, Vignale, Montemagno e Castagnole. Saranno presenti con opere storiche, e alcune site specific, scelte per rispondere a quattro grandi temi. Tra le novità della quarta edizione, da segnalare anche la sinergia con il Gruppo Apollo

Image

Jenny Dogliani

Leggi i suoi articoli

Nel 1574 Stefano Guazzo ambientava a Casale Monferrato il dialogo «La civil conversazione», best seller europeo fra Cinque e Seicento. Il dialogo è quello tra un uomo malinconico, ritiratosi in solitudine dopo una pandemia, e un amico medico, che riconosce nel dialogo e nella relazione con gli altri il fulcro dello sviluppo etico e spirituale dell’individuo, delle singole comunità e dell’intero genere umano. Un dialogo necessario, oggi più che mai, in uno scenario internazionale che non contava un così alto numero di guerre dal secondo conflitto mondiale. Necessario quanto la lentezza, la meditazione e il rapporto con il territorio della nostra storia e delle nostre origini che, nella quarta edizione di Panorama, la mostra diffusa creata dal consorzio Italics, coincide con un altro meraviglioso angolo d’Italia, il Monferrato, dopo Procida (2021), Monopoli (2022) e L’Aquila (2023). Da mercoledì 4 a domenica 8 settembre, Camagna, Vignale, Montemagno e Castagnole si popoleranno di opere di arte antica, moderna e contemporanea realizzate da oltre 60 artisti attivi dal II secolo ai giorni nostri, selezionate o commissionate da 61 gallerie tra le quali Alfonso Artiaco, Botticelli Antichità, Cardi Gallery, Galleria Continua, Giacometti Old Master Paintings, Massimo De Carlo, Frediano Farsetti, Galleria dello Scudo, Lia Rumma, Tornabuoni, Tuccin Russo e molte altre ancora.

Lorenzo Fiaschi, presidente di Italics

Pepi Marchetti Franchi, vicepresidente di Italics

Vincenzo Agnetti, Marco Bagnoli, Claire Fontaine, Francesco Iodice, Alex Katz, Fausto Melotti, Giorgio Morandi, Ottone Rosai, Arcangelo Sassolino, Salvatore Scarpitta, Patrick Tuttofuoco e Francesco Vezzoli sono solo alcuni degli autori invitati a realizzare opere site specific o i cui lavori sono stati scelti per riflettere su quattro grandi temi. A Camagna il fil rouge che lega il percorso è il duplice concetto di lavoro e radici, scelto per esprimere l’anima agricola e industriale di un territorio che nel corso, in particolare del secondo Novecento, è stato oggetto di profonde trasformazioni e transizioni, come gran parte dell’Italia rurale. A Vignale l’attenzione si sposta invece dalle pratiche di sostentamento al genere del ritratto, focalizzandosi sugli aspetti più intimi ed esistenziali che caratterizzano l’identità sia personale sia collettiva di un’intera comunità. A Montemagno si guarda poi al tema della caducità e alla consapevolezza della morte, che sin dalla notte dei tempi l’uomo ha elaborato con riti, cerimonie e percorsi iniziatici metafora del mistero della vita e della sua fine. A Castagnole, infine, si celebra la sacralità dell’arte, capace, sia nelle sue varianti laiche che religiose, di elevare la mente e lo spirito umano alle vertigini dell’infinito.

Una piccola ma significativa porzione di quel verdeggiante territorio fatto di colline, borghi e vigneti, amato da Pavese e Fenoglio, esteso sino a lambire le pendici dell’Appennino ligure tra le province di Asti e Alessandria, patrimonio Unesco dal 2014, dove «i temi in sequenza vogliono essere anche metafora dei viaggi iniziatici rinascimentali: un esempio su tutti l’Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna del 1499. Un testo dove il protagonista compie un percorso di crescita e di trasformazione interiore attraverso alcune tappe dove l’incontro con persone, opere d’arte, architetture o pensieri, ma anche prove e riflessioni esistenziali lo cambierà in modo sostanziale», spiega il curatore Carlo Falciani. «Panorama Monferrato», con il patrocinio dell’Unesco, del Mic e della Regione Piemonte, ha come main partner per il terzo anno consecutivo Belmond. Tra le novità di quest’anno, infine, da segnalare la sinergia con l’Associazione Gruppo Apollo, di cui il consorzio Italics entra a far parte. «La sinergia fra tutti gli operatori attivi nel mercato dell’arte e della produzione culturale è l’unica via che possa portare alle auspicate riforme in un processo di semplificazione amministrativa e impulso economico che da anni il settore richiede a gran voce e che oggi, alla luce degli adeguamenti annunciati da altri membri dell’Unione Europea, sono necessarie per la sua sopravvivenza. L’ingresso di Italics nel Gruppo Apollo, collaborazione di cui siamo orgogliosi, costituisce un tassello essenziale nel progetto comune di valorizzazione e promozione del nostro patrimonio culturale passato, presente e futuro a beneficio di tutta la collettività», concludono Lorenzo Fiaschi e Pepi Marchetti Franchi, presidente e vicepresidente di Italics.

 

 

 

Jenny Dogliani, 18 giugno 2024 | © Riproduzione riservata

Altri articoli dell'autore

Quindici formelle realizzate ad affresco su supporti in terracotta con spolveri ottenuti da matrici ricavate da pagine di libri mangiate da tarli e pesciolini d'argento. «Accanto», il nuovo lavoro dell’artista senese entra nelle collezioni del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe nel museo di Santa Croce sull’Arno. A presentarlo una tavola rotonda per riflettere sulla grafica contemporanea e l’utilizzo di materiali della tradizione storico artistica

189 gallerie, straniere per la maggior parte, provenienti da 34 Paesi e quattro continenti. 37 prime partecipazioni e 66 progetti monografici, dislocati nelle consuete sezioni. E anche 11 premi, uno al suo debutto. Ecco i primi numeri della 31ma Artissima, la terza diretta da Luigi Fassi, presentata oggi all’NH Collection Hotel Piazza Carlina a Torino. Una fiera sofisticata, capace di fare ricerca, di approfondire e di scommettere su singole pratiche artistiche e su scenari emergenti per coniugare, attraverso il contenuto, cultura e mercato

Nell’Heydar Aliyev Center, progettato nel 2012 a Baku, in Azerbaijan, da Zaha Hadid per trasformare il Paese in un punto di riferimento per la grande arte contemporanea internazionale, la prima mostra dedicata a uno scultore italiano, con 39 opere delle quali 19 inedite e site specific

Prosegue il programma in 13 tappe intitolato «Dalle sculture nella città all’arte delle comunità», curato da Marcello Smarelli per Pesaro 2024 e ispirato alla storica mostra «Sculture nella città», con la quale Arnaldo Pomodoro ha ridisegnato Pesaro grazie alle sue monumentali scultura dislocate nelle vie del centro storico. Un progetto che ora si evolve coinvolgendo artisti e cittadini in un’unica grande visione collettiva

Oltre 60 artisti per Panorama Monferrato | Jenny Dogliani

Oltre 60 artisti per Panorama Monferrato | Jenny Dogliani